Buonasera ragazzi! Oggi ritornano le Traveller’s Tales: in questa e nelle prossime puntate analizzeremo uno ad uno i vari protagonisti dei Signori del Ferro, iniziando in questo episodio con il profilo di Felwinter.

Felwinter era uno stregone, un camminatore del vuoto per l’esatezza; fedele alla dottrina dei Signori del Ferro al punto da rinunciare all’accrescimento dei propri poteri personali, fu particolarmente agguerrito nella lotta ai signori della guerra che infestavano la zona morta della Terra.

Il picco di Felwinter

– “Da ciò che ricordo, un tempo avevi un trono nel Monte dimenticato dalla Luce; questo fino a quando non sei entrato nei Lupi. Sei l’unico signore della guerra che possedeva una intera montaglia che io sappia…”
– “Il picco di Felwinter.”
-“Nessuno lo ha mai chiamato così.”
-“I Signori del Ferro sì. Anche se mi hanno chiesto di distruggere il mio trono”.

– Citan il signore della guerra e Lord Felwinter

Felwinter, come molti suoi contemporanei, inizialmente esercitava il proprio dominio sul suo territorio come signore della guerra, ma una volta incontrati i Signori del Ferro, temendo che questi altrimenti lo avrebbero privato del potere, si unì a loro con la speranza di cambiare il mondo. Nonostante il suo ingresso, rispetto ai suoi compagni questi mantenne una certa brutalità ed efferatezza nel porre in essere le sue battaglie: per esempio nel caso del Signore della Guerra Citan, un titano, Felwinter gli propose la resa, e vedendosi opporre un rifiuto lo uccise senza pietà; avendo notato lo spettro di Citan nascosto in attesa di rianimarlo, Felwinter disse al cadavere del titano che avrebbe comunque considerato di risparmiarlo se si fosse unito ai signori del ferro, ma una volta arrivato lo spettro per rianimare tirò fuori il suo famoso fucile a pompa e con due colpi uccise sia il titano rianimato sia il suo spettro (da qui il nome dell’arma “Menzogna di Felwinter”!)

Lord Felwinter

Dopo numerose battaglie i Signori del Ferro riuscirono a sconfiggere tutti i Signori della Guerra e a portare la pace nel Cosmodromo. Per cercare di costruire una nuova Età dell’Oro, i Signori del Ferro con Timur al comando iniziarono la ricerca della SIVA, che si diceva sarebbe stata lo strumento migliore per una rinascita della civiltà. Felwinter fu tra quelli che esplorarono la zona che conosciamo come “terre infette”; lo stregone, una volta attivato Rasputin, cercò di comunicare con l’IA terrestre le proprie intenzioni pacifiche ma Rasputin, di tutta risposta, attivò tutti i sistemi di difesa e così Felwinter si trovò costretto a sacrificarsi con i suoi compagni nella camera di replicazione della SIVA, impedendo che la stessa distruggesse il resto dell’umanità.

A proposito dell'autore

Giornalista freelance e appassionato di gaming sin da piccolo, fiero possessore di tutte le console portatili di casa Nintendo e di tutte le console di Mamma Sony, oltre che di una Xbox360. Fan sfegatato della Bungie (e della prima trilogia di Halo), gioco a Destiny dalla Alpha e non ho mai smesso di appassionarmi al suo universo. Qui su LegaNetwork mi occupo di Lore e affianco Mossi nella traduzione dei documenti ufficiali del gioco.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata