Buonasera guardiani e ben trovati al nostro appuntamento con la Lore di Destiny; siamo nelle parti finali della serie Oryx’s Family, una serie dedicata al Re dei Corrotti e alla sua famiglia, nei vecchi episodi abbiamo parlato del pianeta Fundament, di Re Osmium e Taox, e nell’ultimo appuntamento delle sorelle Xivu Arath e Savathun (link qui). Oggi è il turno della prole, dei figli, adottivi o meno, del Re; sicuramente li conosciamo di nome, ma andiamo a conoscerli meglio.

“Hai preso mio Figlio!”

Oryx, Il Re dei Corrotti

Ir Anuk e Ir Halak, le capostipiti:

Prime figlie di Oryx, le due cantamorti, che troviamo anche nel raid “La caduta di un Re” nacquero quando Oryx stava dividendo la progenie: tagliò una larva con la sua spada e dai pezzi nacquero le due Gemelle.
Ir Halak, la disfattrice,  una maliarda potentissima che affonda i suoi artigli nel tessuto spaziotemporale, ne taglia l’orlo, lo squarcia, riducendo in brandelli interi pianeti; Ir Anuk, la tessitrice, tiene nelle mani i fili dell’operato della sorella: praticamente le due sorelle si compensano l’un l’altra e lavorano sempre in coppia. Noi guardiani abbiamo conosciuto le sorelle Ir prima di arrivare al loro cospetto nella tana del Padre: le abbiamo viste svolgere un rituale insieme ad altre cantamorti proprio nel regno di Crota, allo scopo di riportarlo in vita; le due, insieme ad altre cantamorti volevano risvegliare l’anima del defunto fratello per dare all’Alveare nuovamente il proprio comandante. E’ vero, noi sappiamo già come uccidere Crota, ma pensate se fossero riuscite nel loro intento: avremmo dovuto sfidare padre e figlio insieme; ne saremmo usciti vincitori? Fortunatamente questo pericolo è stato definitivamente scampato.

“Se riuscissimo a separare la nostra morte da noi stesse e a nasconderla, sarà più difficile ucciderci.”

Figlie di Oryx – Libri del Dolore XXXVIII

 

 
Alak-Tul,la lama oscura, il figlio adottivo:

Alak-Tul è un cavaliere dell’Alveare dalle grandi capacità belliche e possessore di grande forza. Alak-Tul e la sua consorte, la maliarda Verok, erano presenti durante l’attacco di Eriana-3 e del suo team alla bocca dell’inferno; fu proprio Alak-Tul, insieme a Verok, ad uccidere il Titano Vell Tarlowe durante il suddetto raid contro Crota [link per Eris Morn series!]. Dopo il fallimentare raid di Eriana-3 e del suo team contro Crota, Alak-Tul istigò una ribellione contro Oryx che venne sedata in breve tempo. Le motivazioni di questo tradimento erano due: in primo luogo, Alak-Tul si sentiva trascurato da Oryx che volgeva il suo sguardo sempre a Crota, suo figlio prediletto e voleva che Alak-tul fosse un suo semplice guerriero, una Lama affamata; in secondo luogo, voleva apparire grande e potente agli occhi di Verok, sua amata. Alak-Tul venne presto catturato dai guerrieri di Oryx e il Re dei Corrotti decretò la sua carcerazione all’interno delle prigioni dell’Astrocorazzata e si assicurò che egli non avrebbe mai più visto la luce del Sole. La sorte di Verok invece è sconosciuta, molto probabilmente fu ridotta in chitina per le navi (come suggerisce Eris) opppure anche lei  prigioniera nell’Astrocorazzata in un luogo imprecisato. Noi guardiani siamo stati mandati da Eris nella Cella senza Sole di Alak-tul per evitare che il cavaliere potesse evadere ed occupare il trono vacante di Oryx visto che ormai Oryx non esisteva più nella nostra dimensione.

Oryx non mi ha affidato alcun compito.
Quindi, con la morte di Oryx,dovrò affidarmene uno da solo.
Alak-Tul

 

 
Crota, Figlio di Oryx:

Crota, figlio di Oryx, anche conosciuto come il Cavaliere Divino e il “Mangia Speranze”,  un antico e potente Principe dell’Alveare che uccise moltissimi guardiani durante la fallimentare missione di riconquista della luna chiamata Il Grande disastro (link).
E’ uno dei tanti adorati Dei dell’Alveare, il più giovane fra loro, famoso per essere il successore designato al trono di Re il giorno in cui Oryx si farà da parte o morirà. Crota ha un proprio esercito, guidato sul campo da Omnigul, e tutti i suoi discepoli fanno parte della setta del “Sangue di Oryx”.
Molto prima che l’alveare volgesse il suo sguardo sulla Luna, Oryx insegnò svariate tecniche distruttive a Crota, lo rese grande e potente, più di qualsiasi cavaliere; il suo nome significa “il mangiatore di Speranza”. Crota viaggiò per innumerevoli mondi divorandoli in nome del Padre, e sempre in nome del Padre diede la caccia all’unica cosa che preoccupasse davvero il Re dei Corrotti: il Viaggiatore.
Fin dalla nascita Crota fu indottrinato dal padre a credere che il Viaggiatore fosse solo un Dio imbroglione che sfruttava le razze che lo accoglievano e lo riempivano di elogi e solo con la sua sconfitta l’Oscurità avrebbe avuto la possibilità di crescere e conquistare l’Universo, solo tramite la morte del Viaggiatore lo spazio avrebbe raggiunto la vera forma.
Col tempo Crota sviluppò sempre maggior potere e fama guadagnandosi la reputazione di essere un vero e proprio demone affamato e irrefrenabile. E’ noto che una volta, mentre Crota e le sue due sorelle stavano compiendo degli esperimenti nel regno Ascendente, abbiano accidentalmente fatto entrare i Vex nel proprio regno, grazie anche ad un trucco della zia Savathun. Savathun e Xivu Arath non erano in buon rapporti con il fratello maggiore Oryx, così Savathun usò Crota, un potente guerriero poco scaltro a quel tempo e lasciò entrare dei nemici formidabili a casa del Re dei Corrotti; usando questo portale anche Xivu Arath avrebbe potuto sferrare un ulteriore attacco a Oryx; era tutto programmato insomma. Crota non riuscì a sconfiggere i Vex, tanto che questi ultimi crearono Quria, una mente Vex, nata per scoprire i misteri della spada di Crota e da dove l’Alveare prendesse tanto potere. Quria (a cui dedicheremo un’appuntamento delle Traveller’s tales) voleva tutto il potere dell’Alveare per usarlo a proprio vantaggio, distruggere Crota e divenire egli stessa un Dio. L’invasione dei Vex al regno ascendente attirò l’attenzione di Oryx, che si infuriò con i suoi figli per aver attirato un nemico cosi potente in casa propria: Oryx stesso scese in campo e schiacciò tutti i Vex presenti nel suo regno, gettò poi alcuni vex corrotti negli squarci temporali per combattere contro i loro stessi fratelli.
Nonostante la minaccia Vex fosse ormai placata, Oryx si infuriò con suo Figlio, Crota, lo prese per le gambe e lo gettò nel portale Vex come punizione per farlo diventare ancora più forte.

“Figlio mio, questa sarà la tua punizione.
Tornerai qui nella gloria, o morirai dimenticato da tutti.”
Oryx rivolgendosi a Crota

Crota era famoso per essere meno sanguinario del Padre, ma dopo che entrò nel portale Vex tutto cambiò: prima provava piacere nel risparmiare le sue vittime solo per fare un dispetto al padre, un figlio ribelle insomma, ma una volta entrato nel portale Vex capì la grandezza e la potenza di Oryx, voleva avvicinarsi sempre di più a lui; durante tutta la sua vita continuò a sterminare e conquistare creando numerosi monumenti e templi dedicati al padre dove gettava la Luce come tributo.
Ad un certo punto Crota e il suo esercito raggiunsero la Luna, la colonizzarono in attesa di lanciare un attacco alla terra, ma la Torre e i Guardiani volsero subito il loro sguardo a questo nuovo avversario. Non sapevano nulla allora di Crota, dell’Alveare, di Oryx; erano un nuovo nemico, una minaccia per il Viaggiatore e per tutta l’umanità cosi attaccarono la Luna dando luogo al famoso “Grande Disastro” durante la quale caddero molti guardiani tra qui anche il leggendario titano Wei-Ning, ucciso da Crota in persona.
Per vendetta, Eriana-3 forma un team nel tentativo di uccidere Crota che, come sappiamo, non ha avuto buon fine. Ma Crota, impaurito da questi sei guardiani, spedisce la sua anima nel suo regno ascendente in attesa di essere risvegliato nel mondo reale dalla sua progenie. Sappiamo che abbiamo distrutto il cristallo impedendo la rinascita del Dio nel nostro mondo, ma finchè la sua anima è viva nel regno ascendente Crota rimane sempre una minaccia. Per questo motivo Eris ci manda nelle profondità della Luna, per raggiungere il regno ascendente di Crota, Il regno della Superanima, e ucciderlo definitivamente.

Sappiamo che Crota è potente, talmente tanto da essere immune alle nostre armi, l’unico modo per arrecare danno al Dio dell’alveare  usare una spada simile alla sua, la spada ascendente, ottenibile uccidendo i servitori di Crota che ne possiedono una.
Mentre Crota sconfitto inalava il suo ultimo respiro invocò il nome del padre, attirando la sua attenzione. Accecato dall’ira, Oryx volle vendicare suo figlio, colui che sarebbe dovuto divenire il suo degno erede, quindi volse il suo sguardo al nostro Sistema Solare dove trovò il Viaggiatore, e così partì con l’Astrocorazzata con l’intenzione primaria di punire coloro che avevano ucciso Crota.

…pertanto ti conferisco il nome di Crota, divoratore della speranza.

Oryx – Libri del Dolore XXXVI

 

Malok, Orgoglio di Oryx: abbiamo già parlato di Malok in occasione del rilascio dell’aggiornamento di Aprile, aggiornamento che lo riguardava da vicino. Esso era uno dei figli adottivi di Oryx (link DTT#5 Malok)

 

Bene Guardiani, la nostra serie sta arrivando alla fine, ci vediamo la prossima settimana con la storia di Oryx, il famoso Re dei Corrotti.

In collaborazione con Cold.

1 risposta

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata