Menu

Road to Overwatch: Tank Heroes

Popolo Networkiano, gioviali saluti dal vostro Casey, pronto con il penultimo episodio del Road to Overwatch!

Oggi, con mia estrema gioia, parleremo di un ruolo molto spesso bistrattato ma fondamentale in un GDR che si rispetti, ovvero il Tank!

Ammontare Hp enorme, utility per la squadra e danni contenuti, ecco i parametri fondamentali della categoria a cui appartengono D.VA, RoadHog, Reinhardt, Winston e Zarya.

A chi andrà il Casey Noob Awards questa volta? Scopriamolo!

D.VA:

Rivelata insieme a Genji e Mei durante il Blizzcon 2015, D.Va è l’ultimo tank aggiunto al gioco e possiede un gameplay unico nel suo genere: avremo la possibilità di controllarla sia dentro il suo Mech sia fuori, con un enorme cambiamento tra i due stili di gioco.

Come si può intuire, non è la gracile sexy bomb il tank tra i due: all’interno del suo Mech, D.Va sarà ingrado di assorbire un’enorme quantità di danni, ma da sola è piuttosto fragile!

Iniziamo l’analisi dal Mech, ovvero il vero protagonista: grazie ai due Cannoni a Fusione, potrete far cadere addosso ai vostri nemici una pioggia di proiettili, pagandone in velocità di movimento. Attenzione quindi, fare fuoco quando non necessario vi renderà degli enormi bersagli mobili.

Come sopperire a tale lentezza? Grazie alla prima abilità, i Retrorazzi! Utilizzandoli sarete in grado di muovervi velocemente in qualsiasi direzione per qualche secondo, raggiungendo i nemici più distanti, quelli sopraelevati o ritirandovi dalla battaglia.

In aiuto del già elevato ammontare Hp, arriva la seconda abilità: Matrice difensiva creerà uno scodo davanti a voi, assorbendo e abbattendo i proiettili nemici. Notare bene che non si comporta come la spada di Genji deflettendoli, li assorbe solamente.

Autodistruzione è l’ultra del Mech: saltando fuori dal suo robot, D.Va lascerà che questo salti in aria infliggendo danni ingenti ai nemici in un’ampia area. Subito dopo l’utilizzo la barra Ultra di D.Va si ricaricherà e sarà istantaneamente possibile utilizzare Richiama Mech, per rientrare nella vostra tuta metallica. D.Va fuori dal Mech è molto fragile, meglio avere sempre a disposizione il vostro amico cibernetico.

Se per caso il Mech venisse distrutto prima dell’utilizzo dell’Ultra, provocherà comunque danni ad area ma lascerà scoperta la ragazza che dovrà continuare a combattere in attesa di ricaricare Richiama Mech. Fuori dalla sua tuta robotica, D.Va utilizzerà una semplice pistola laser automatica con una cadenza di fuoco molto bassa, nonostante infligga danni ingenti e le permette di colpire dalla distanza, ma non possiede altre abilità, quindi fate molta attenzione.

In sostanza, il Mech è il tank e dovrà essere la vostra priorità sempre. Solo i giocatori più abili riescono a sopravvivere al di fuori della tuta, meglio allenarsi moltissimo per essere pronti a qualunque scenario possibile.

Reinhardt:

FanBoy Time:  UNA CAZZUTISSIMA ARMATURA TECNOLOGICA, IMPREZIOSITA DA TESTE DI LEONE E UN ENORME MARTELLO DA COMBATTIMENTO, COSA VOLETE DI PIU DA UN TANK?!?!?!?!?

Se ciò non bastasse, andiamo ad analizzare meglio questo personaggio: Il Martello a Reazione è l’arma di questo anzianotto dal fisico enorme; grazie ad esso effettuerete ampi colpi ad arco dalla distanza più che ravvicinata. Quest’arma è una delle poche Melee Range presenti nel gioco, ma non per questo meno performante. Ad aiutarci nella nostra impresa di avvicinamento v’è la nostra Barriera, ovvero una delle abilità del personaggio. Dietro ad essa voi e i vostri compagni sarete protetti fino alla sua distruzione, ricordatevi però che non potrete compiere altre azioni mentre essa è attiva. La lenta camminata del nostro Tedescone potrebbe sembrare un drawnback enorme in un gioco caotico come Overwatch ma sarete ricompensati dall’alto assorbimento danni per il vostro team.

Dardo di fuoco ci permetterà di attaccare dalla media distanza: un proiettile incandescente, che colpisce e trapassa tutti i nemici nel suo raggio d’azione, verrà scagliato dal martello.

La potenza di Reinhardt, oltre che nella barriera, risiede nella seconda abilità: grazie a Carica potrete scattare contro i vostri avversari e, nel caso qualcuno entri in collisione con voi, verrà trascinato fino alla fine della corsa. Se per caso essa s’interrompesse contro un muro, danni enormi verrebbero inflitti ai vostri nemici. Difficile da effettuare, è una delle abilità più remunerative del gioco: alto rischio, alto profitto.

Schianto sismico è l’ultra: Sbattendo con potenza disumana il martello a terra, Reinhardt danneggerà ed abbatterà tutti i nemici nel raggio d’azione del suo attacco. Una sorta di stun che bloccherà al suolo i vostri avversari, impedendoli da scappare dal vostro team.

Reinhardt si aggiudica il Casey Noob Award di diritto: nonostante la pratica nell’utilizzare al meglio Carica, muoversi dietro ad una barriera non sarà così difficile. Consiglio la coordinazione con il vostro team nel momento in cui vorrete usare l’Ultra: abbattere il team avversario e bombardarlo (Pharah e Junkrat anyone?) è il modo migliore per ottenere la supremazia della partita.

RoadHog:

Ed eccoci finalmente arrivati al mio Eroe preferito, Roadohog!

Le somiglianze con un altro campione di casa Blizzard, ovvero Stithces, la sua potenza a livello visivo e le sue abilità me lo hanno fatto amare fin da subito.

La Rottamatrice è l’arma principale del nerboruto biker: una scarica di detriti a breve distanza o una palla esplosiva di essi dalla lunga, ecco le due modalità di fuoco di quest’arma. Danni non troppo elevati con la scarica ad ampia rosa, molto più significativi (sopratutto se headshot) con la palla.

Ma la vera forza di RoadHog è il suo Gancio (esattamente come per Stitches in Heroes of the Storm): trainare a se un nemico e abbatterlo sarà la miglior strategia di gioco con questo eroe.

Capace di assorbire molti danni grazie ad un ottimo ammontare HP, potrà rigenerarne un terzo grazie a Boccata d’aria, la sua seconda abilità.

Porcata,la sua ultra, vi permetterà di utilizzare la Rottamatrice come un mitragliatore sparadetriti per un piccolo lasso di tempo, respingendo gli avversari.

Non troppo complicato come personaggio ed è il mio preferito, quindi perchè non vince il Noob Award? Semplicemente si tratta di un personaggio Skill-Dipendente: afferrare qualcuno con il vostro gancio o meno cambierà le sorti della battaglia, allenatevi moltissimo!

Winston:

Protagonista buono, insieme a Tracer, del Trailer di lancio, Winston è un Gorilla, un Genio ed uno Scienziato. Oltre ad essere un ottimo tank.

Il suo Cannone Tesla ha un caricatore enorme, per gli standard del gioco, corto raggio e danno mediocre. Fintanto che premerete il grilletto, questo continuerà a danneggiare il bersaglio più vicino.

Ipersalto è la prima abilità del primate: grazie all’ausilio del suo zaino propulsore, Winston effettuerà un salto dalla gittata esponenziale. Danni ingenti e stordimento ai nemici presenti vicino l’area d’impatto.

La vera forza di Winston è la sua seconda abilità, Proiettore difensivo: generando uno scudo circolare, il gorilla proteggerà i suoi compagni in un’area tutt’altro che ristretta. Sarà possibile rispondere al fuoco nemico dall’interno dello scudo. Capite subito quanto può essere forte donare uno scudo ad area ai vostri dps mentre rispondono al fuoco nemico.

Rabbia Primordiale è l’ultra dello scienziato: lasciandosi comandare dalla sua natura animale, Winston attaccherà in mischia stordendo gli avversari, avrà un ammontare HP aumentato rendendolo difficile da abbattere e avrà la possibilità di utilizzare Ipersalto maggiormente. In questo stato, sopratutto in zone ristrette, sarete capaci di danneggiare massivamente i vostri nemici, preoccupandovi poco della vostra salute.

L’unico svantaggio di Winston è la sua arma, imparate piuttosto a posizionare lo scudo e quando utilizzare l’ultra, diventando un carro armato incazzato…..come una bestia!

 

Zarya:

Lo sappiamo benissimo, Overwatch è un gioco pieno di belle donne. Ma è anche pieno di donne cazzutissime e Zarya lo è più di tutte! Forse il tank più forte del gioco, è un personaggio pieno di risorse ed utilizzato al meglio sarà la Regina delle vostre partite.

Due le modalità di fuoco del suo Cannone a Particelle: una scarica d’energia a corta gittata o una carica esplosiva che investe i nemici nell’area d’esplosione.

La Barriera particellare è un”abilità dal doppio scopo: essa aumenta l’assorbimento dei danni di Zarya, per poi reindirizzarli nel Cannone rendendolo ancora più potente! Quando il fuoco nemico è mai stato così amico?

La stessa barriera può essere proiettata sui propri compagni, con esattamente le stesse conseguenze. Ecco quando il fuoco nemico è stato più amico che mai, ora salvando i nostri amici ci potenzieremo!

Ed ecco cosa rende Zarya così forte, la sua ultra: Bomba gravitazionale attira e trattiene i nemici presente nel suo raggio d’azione, danneggiandoli. Combinata con ultra ad area (il Drago di Hanzo o la Pioggia di Pharah) permetterà di colpire al 100% più di un nemico contemporaneamente.

Imparare ad utilizzare al meglio Zarya vuol dire imparare ad utilizzare al meglio uno dei personaggi più forti del gioco: lo consiglio a chiunque voglia diventare un giocatore esperto di Overwatch, previo allenamento sopratutto per quanto riguarda le due diverse barriere.

 

E per i Tank è tutto, alla prossima con l’ultimo appuntamento del Road to Overwatch: Support Heroes!

Ciao ciao dal caro vecchio Casey di quartiere!

Casey A.K.A Christopher,25 anni da Novara. Sono un videogiocatore da 20 anni, principalmente su console fissa e portatile,nonostante un amore nato da poco con Blizzard. Giocatore di Magic da 4 anni. Psn: TheCasey91 Battlnet: TheKris91#2972

No comments

Lascia un commento

I NOSTRI SPONSOR