Benvenuti al secondo appuntamento di “Destiny Traveller’s Tales”, la nostra rubrica a cadenza settimanale che approfondisce la storia “nascosta” nel grimorio di Destiny. Dopo aver parlato di Skolas nel primo appuntamento continuiamo sulla stessa strada (più o meno) e andiamo ad analizzare la famosa “Guerra dell’Atollo”, spesso citata nel gioco ma poco conosciuta da chi non è appassionato di grimorio.
Cominciamo col dire che questo conflitto si ambienta nella cintura di asteroidi del Sistema solare e le due fazioni principali sono gli Insonni e il Casato dei Lupi; I dettagli della guerra li possiamo trovare ne “La Mareide”, un libro scritto dai criptarchi dell’Atollo. A differenza di quanto si possa pensare, la contesa non è cominciata sull’Atollo ma è nata sulla Terra, scatenata del Casato dei Re e dal suo misterioso Kell contro l’ultima città per rivendicare la Grande Macchina (il “Viaggiatore”) e ottenere così una scorta infinita di etere (se ben ricordate anche Skolas aveva lo stesso progetto di questo Kell misterioso ma, a differenza di questi, Skolas è molto più egoista visto che vuole l’etere solo per il suo casato.)

Variks: Skolas può essere astuto nella sua follia, ma Kell dei Re è pazzo nella sua astuzia. Kell dei Re fa in modo che noi sappiamo solo che vuole la grande Macchina solo per se stesso, per governare non solo Eliksni, ma tutte le creature.
Mara Sov: quindi ora abbiamo due Kell con manie di grandezza? Ottimo…

Tutto comincia con la Battaglia della Breccia del Crepuscolo, dove il Kell dei Re manipolando il casato di Inverno e il casato dei diavoli scaglia il primo attacco contro la Città per la conquista del Viaggiatore; la città risponde organizzando un’armata di Guardiani guidati da Lord Saladin contro i caduti. I camminatori caduti lottano contro l’artiglieria della città, durante la battaglia compare il famoso “Signore del Tuono” che fa strage di caduti nel caos della battaglia. Nonostante tutto, il forte cade fino al contrattacco guidato da Lord Shaxx che fa fuggire i caduti dal perimetro della Città. Il conflitto fu estremamente sanguinoso e molti caduti e guardiani morirono: Feizel Crux commemora i guerrieri caduti nella battaglia forgiando il Gjallarhorn con le loro armature. Spaventato da tale attacco e per prepararsi a un’eventuale contrattacco dei Caduti, Lord Shaxx crea il Crogliolo per addestrare una nuova generazione di guardiani.
Durante la battaglia contro la torre, il Kell dei Re manda una richiesta di supporto ai fratelli Lupi; Virixas, kell dei Lupi, risponde alla chiamata e raduna la sua flotta su Cerere, un nano pianeta nella cintura di asteroidi. Nel tragitto verso la terra i Lupi vennero fermati da Mara Sov, la Regina dell’atollo, per proteggere dei suoi potenziali alleati (la torre) o per portare i lupi sotto il suo dominio (ancora oggi non è chiaro il perché di questa strategia…); l’Insonne chiese e ottenne inoltre l’alleanza dei Nove, che mostrarono interesse probabilmente a causa della vicinanza dei Caduti al loro quartier generale. In poche parole Mara Sov fermò i Lupi prima che la loro gigantesca flotta potesse raggiungere i Casati sulla Terra unendosi così a loro contro l’Ultima Città. Sappiamo inoltre che i Lupi erano in possesso di una flotta enorme e di migliaia di Eliksini pronti al combattimento, che uniti agli altri casati sarebbero stati probabilmente indistruttibili.
Virixas raggruppò la sua flotta su Cerere, ancora apparentemente ignaro della presenza degli insonni finché non apparvero le luci delle loro navi…

 

Questa era la prima parte della Guerra dell’Atollo, ci vediamo mercoledi prossimo e insieme scopriremo come Skolas raggiunge la nomina di Kell e come si conclude la guerra dell’atollo.

A proposito dell'autore

Appassionato di videogiochi sin da bambino, fiero possessore di due console di casa Nintendo: Ds e Wii, oltre alla console di casa Microsoft: Xbox One ed a 2 Gameboy color con Pokemon giallo e oro. Da dicembre 2016 possessore anche di una Ps4 "slim". Studente universitario al secondo anno presso la facoltà di Economia e Management di Pisa.

Post correlati

1 risposta

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata